Il lavoro di motta editore, le opinioni e le immagini dei più grandi fotografi

Nel primo decennio del nuovo millennio Federico Motta Editore è impegnato su più fronti: le enciclopedie multimediali, i libri d’arte, i premi giornalistici e le borse di studio. Non bisogna però dimenticare l’attività come organizzatore di mostre d’arte. Con il lavoro di Motta Editore, le opinioni e il punto di vista di alcuni tra i più grandi artisti contemporanei hanno potuto raggiungere un ampio pubblico, sia grazie a mostre sia attraverso raffinati cataloghi.

La mostra "Acqua", organizzata da Federico Motta Editore al Palazzo Reale di Milano nel 2003

La mostra “Acqua”, organizzata da Federico Motta Editore al Palazzo Reale di Milano nel 2003

Mike Goldwater: “Acqua”

Molto importante è stata per esempio la mostra “Acqua”, dedicata all’opera di Mike Goldwater, uno dei più interessanti fotografi contemporanei. Nelle sue opere la protagonista indiscussa è l’acqua, portatrice di vita ma anche di distruzione. Attraverso il suo obiettivo, Goldwater ha osservato e immortalato la varia umanità che ruota attorno all’universo dell’acqua. E, grazie al lavoro di Motta Editore, le opinioni e il punto di vista di uno dei maggiori fotografi contemporanei sono accessibili anche attraverso il catalogo. Questo, pubblicato sempre da Federico Motta Editore, aveva un’introduzione scritta da Enzo Biagi.

Federico Motta Editore è stato anche tra gli organizzatori di "Una notte con Marilyn" del fotografo Douglas Kirkland, tenuta al Palazzo Reale di Milano nel 2002

Federico Motta Editore è stato anche tra gli organizzatori di “Una

Douglas Kirkland: “Una notte con Marilyn”

«Benché durante la mia carriera io abbia incontrato numerose celebrità, nessuna di esse ha esercitato su di me un fascino sconfinato e duraturo come Marilyn». Nel 1961 il fotografo Douglas Kirkland fu inviato dalla rivista «Look Magazine» a realizzare un reportage fotografico su Marilyn Monroe. La diva stava attraversando forse il momento più drammatico della sua esistenza. Le foto di Kirkland sono tra le più affascinanti dell’attrice statunitense, e testimoniano il suo lato più umano e fragile. La mostra e il suo catalogo rappresentano un emozionante ricordo di quei giorni e del rapporto instauratosi tra Marylin e il fotografo.

L’incontro con la cultura contemporanea

Organizzare eventi culturali è un modo per mantenere uno stretto legame con l’evoluzione della società contemporanea. Motta Editore collabora in quegli anni alla realizzazione di varie esposizioni. Le mostre sono l’occasione per un incontro diretto con le opere d’arte, con gli artisti e le loro idee. La casa editrice si impegna anche a realizzare i cataloghi delle mostre, raffinati volumi d’arte di alta qualità tipografica.